ANNO 1967 - PROLOCO DI GROSSETO

Vai ai contenuti

Menu principale:

ANNO 1967

GRIFONI D' ORO > ANNI 60

scultore, (Grosseto 1905 - Grosseto 1970)
Tolomeo Faccendi nacque a Grosseto l'8 novembre 1905 da una famiglia di piccoli commercianti.
La sua carriera artistica iniziò nel 1929, in seguito ad un incidente stradale che lo rese infermo per un lungo periodo. Questa immobilità fece sì che riprendesse a coltivare la vecchia passione della scultura, abbandonata più volte per le scarse possibilità economiche e per la mancanza di una cultura di base e di un ambiente culturale stimolante che potesse, in quel momento, appagare il suo desiderio di arte. Ma è proprio in questo ambiente che Tolomeo Faccendi darà vita a una sua poetica artistica e, con un gruppo di amici, a un clima culturale che nel secondo dopoguerra caratterizzerà per molti anni la cultura grossetana. Di grande stimolo al giovane artista fu sicuramente la madre, che pur di iniziare il figlio alla scultura, barattava la cera (prima materia scultorea del Faccendi) in cambio di alcuni lavori di cucito con il custode del cimitero di Grosseto.
Da citare la grande statua di Gesù posta sulla parte più alta della cupola della Basilica del Sacro Cuore, opera imponente realizzata in bronzo ma ricoperta d'oro, alta 4 metri.
Un'altra sua opera è stata posta davanti all'entrata della stazione ferroviaria, Il Buttero, poiché la scultura rappresenta un buttero a cavallo, opera sempre in bronzo (quest'opera ha trovato la collocazione odierna solamente qualche anno fa, prima si trovava sempre nella piazza della stazione ma posta dietro le fermate principali degli autobus).
Faccendi ebbe riconoscimenti nazionali e le sue opere vengo esposte non di rado anche fuori dalla città natale.
Non tutte le opere di Tolomeo Faccendi sono arrivate ai giorni nostri, anche a causa di un furto subito quando lo scultore era ancora in vita.
La città di Grosseto in segno di riconoscenza dedica una via allo scultore nella zona di via Orcagna, strada che porta all'entrata dell'aereporto civile della città.


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu